All'orizzonte nuove tasse per i Casinò AAMS?

Tassazione Casinò AAMSLe polemiche che riguardano la tassazione del gioco non sono ancora terminate, infatti, dopo l’introduzione della Tassa sulla Fortuna che colpisce tutti i redditi prodotti dal gioco e che viene applicata al Gratta e Vinci e ad altri giochi in caso di vincita che supera l’importo di 500 euro.

Dinanzi ai giudici del Tar del Lazio è stata sollevata la questione dagli operatori che gestiscono le VLT, i quali hanno affermato di non essere tecnicamente nelle condizioni di applicare tale tassazione a questa categoria di giochi.

I gestori ritengono che il problema di natura tecnica riguarda le vincite conseguite giocando alle VLT che non possono essere tassate, in quanto le macchinette fanno uscire uno scontrino dove la tassazione verrebbe applicata non solo all’importo vinto dal giocatore, ma anche a dei residui della scommessa che vengono registrati. Il Tar, ad inizio anno, aveva concesso una sospensiva ai gestori, anche se i giudici avevano stabilito che, dal mese di settembre, anche alle VLT doveva essere applicata la tassazione.

Considerato che oramai non manca molto all’entrata in vigore del provvedimento normativo, i concessionari hanno adito per la seconda volta il giudice amministrativo. Più che contestare la tassa, gli addetti ai lavori ritengono che sia indispensabile, ai fini dell’applicazione della tassazione, apportare delle modifiche al sistema che fa funzionare le VLT e, per tale ragione, vi è la necessità di tempi ancora più lunghi rispetto a quelli che sono stati decisi dall’AAMS.

Il giudice amministrativo ha concesso, di recente, una sospensiva rinviando gli atti ai giudici della Corte Costituzionale per sollevare una questione di legittimità costituzionale del Decreto Fiscale con cui è stata introdotta la tassazione, per quanto riguarda quella parte della norma in cui si specifica che a partire dall’1 di settembre 2012 verrà applicata una ritenuta del 6% anche alle vincite che superano l’ammontare di 500 euro.

L’AAMS intende emettere un provvedimento con cui viene sospeso il servizio qualora i gestori si rifiutassero di applicare la tassa alle vincite conseguite giocando alle VLT. Di certo, i danni economici che tale decisione potrebbe produrre sono tantissimi e che si andrebbero ad aggiungere agli oltre trenta milioni di euro non incassati a causa dei provvedimenti emanati dal Tribunale Amministrativo Regionale.

La tassazione che colpisce il gioco d’azzardo online è già molto alta, così come la percentuale di vincita che si è stabilizzata al 97%, ma in seguito alla situazione economica molto ingarbugliata che sta attraversando il nostro paese, non si esclude l’introduzione di nuove tasse che possano ancora una volta colpire i redditi prodotti nell’ambito dei servizi di gioco online. Molto presto, nel nostro paese, saranno introdotte le Slot Machine AAMS e non si esclude che nuove forme di tassazione vengano proposte proprio in vista di questa novità che, a partire da gennaio 2013, caratterizzerà il mercato del gioco d’azzardo online italiano.

Il provvedimento dei giudici della Corte Costituzionale e quello del Tar del Lazio interessa anche le società di gambling che operano sulla rete, le quali avranno modo di comprendere, se vi è nell’aria o meno, l’intenzione di emettere dei provvedimenti con cui possano essere introdotte nuove tasse che colpiscono le piattaforme dei casinò legali italiani.

Chi Siamo | Disclaimer | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. |

Casinoinrete.com, portale informativo sui Giochi di Casinò Online Autorizzati AAMS, ti presenta le migliori guide per la comprensione dei bonus e delle regole dei giochi. In quanto non presenta periodicità, non è assimilabile a una testata giornalistica. Le opinioni e i giudizi rappresentano solo un'indicazione, la scelta finale spetta sempre al giocatore. Scegli sempre e solo il Gioco Sicuro, Legale e Responsabile.

Copyright © 2007 - 2018 - Tutti i diritti riservati.