Una manomissione all'origine delle vincite pazze delle VLT di Snai.

Una Croupier della Roulette dal Vivo al Casinò
Giocatori che si divertono a puntare su un Tavolo della Roulette

Un giorno da incubo per le Slot Machine Snai: le Videolotteries hanno elargito vincite milionarie a decine di giocatori a causa dell'apparente manomissione dei sistemi di gioco da parte di alcuni pirati informatici. A quanto sembra, nessun jackpot sarebbe stato vinto e la certificazione delle vincite spetta in ultima istanza all'AAMS. Siamo certi che la vicenda segnerà un danno d'immagine importante per Snai, oltre che a trascinarsi nelle aule di tribunale.

Slot AAMS GD Casinò

http://www.casinoinrete.com/casino-online-aams

Le Slot impazzite di Snai regalano milioni a cascata

(2 voti, media 5.00 di 5)
Le Slot impazzite di Snai regalano milioni a cascata 5.00 media 5 based on 2 voti 2.

Snai Slot Machine VLTLunedì scorso le slot machine della Snai, conosciute anche come Videolotteries (VLT), hanno assegnato delle vincite milionarie a diversi giocatori italiani. L'incorretto funzionamento è stato causato dolosamente, come l'azienda di Porcari (Lucca) sostiene.

Sembra che la causa sia l'attacco da parte di un hacker informatico che ha anche beneficiato di una delle tante vincite erogate e che hanno riguardato ben 180 macchinette da bar.

Oltre tremila sono le vincite ottenute in tutto il territorio nazionale e i giocatori che hanno conseguito in media una cifra molto vicina al mezzo milione di euro hanno tutta l’intenzione di far valere le proprie ragioni di credito anche avviando le azioni legali del caso nei confronti della società. Le città toccate da questi strani eventi, mai visti sinora sono Fermo, Lanciano, Ostia, Macerata e Porcari, una città toscana in provincia di Lucca dove nella stessa agenzia si sono verificate tre vincite consecutive e tutte allo stesso tempo.

Secondo quanto alcuni esperti in statistica il jackpot si dovrebbe verificare solo ogni 30 giorni e tale affermazione, pertanto, farebbe avvalorare ancora di più l’ipotesi di un attacco da parte dei pirati dell’informatica che avrebbero manovrato le vincite. Di solito, i terminali sono programmati per erogare delle vincite che non superino il mezzo milione di euro. Il problema è che a Ostia, uno scommettitore ha conseguito una vincita che sfora il jackpot di tanto e che è pari a nove milioni e mezzo, vale a dire 19 volte il jackpot stesso.

Il “fortunato” scommettitore, di professione fruttivendolo, ha già consegnato la schedina al notaio per avviare la procedura di liquidazione della vincita conseguita. Affinché le vincite conseguite al Videolottery possano essere pagate, vi è un procedimento molto complesso da seguire che prevede la deliberazione della liquidazione della vincita in tre fasi distinte tra loro: prima quella del terminale, in seguito quella della sede amministrativa della Snai, infine quella del nulla osta da parte del ministero delle Finanze dove si registrano tutte le vincite conseguite dai giocatori.

Un altro aspetto strano è che non tutte le macchinette si sono comportate allo stesso modo, infatti, alcune hanno rilasciato allo scommettitore il biglietto che certificava la vincita conseguita, in altri casi invece è stato emesso un tagliando che informava che la vincita doveva essere verificata, in altri casi ancora non è stato rilasciato proprio nulla. Intanto anche la Procura della Repubblica è intervenuta aprendo a Lanciano un’inchiesta al fine di accertare le cause di questi episodi che si sono verificati in tutto il territorio nazionale sequestrando le slot machine.

La Snai ha avviato anche delle indagini interne per conto suo per comprendere le cause di quanto accaduto disattivando anche i terminali implicati nella vicenda al fine di verificare il loro grado di funzionalità. I vincitori che assaporano oramai da diversi giorni l’idea di diventare milionari sono pronti a dare battaglia affinché possano vedere realizzate le proprie ragioni di credito nei confronti della Snai che ha già ribadito in diverse note ufficiali come nessun jackpot sia stato in realtà vinto in quel giorno.

Il database unico centrale collegato all'AAMS è l'unico a fare fede e l'agenzia di scommesse conta di chiudere la vicenda in maniera positiva. In realtà la vicenda è tutt'altro che chiara e lineare: nel caso in cui Snai non riconoscesse nessuna delle vincite, oltre a lunghi contenziosi legali, potrebbe subire un danno d'immagine non da poco. L'intrusione nei sistemi informatici di un operatore di gioco legale è allarmante e potrebbe renderla dinanzi agli occhi dello scommettitore un’agenzia poco affidabile.

Aggiungi il tuo commento

Casinoinrete.com incoraggia i lettori ad aggiungere i propri commenti alla pagina. Lo scambio di opinioni ed esperienze consentirà di aumentare la quantità di informazioni attendibili sui Casinò On line.

Tutti i commenti sono di responsabilità esclusiva degli autori e sono moderati preventivamente per assicurare il rispetto del buon costume e della reputazione altrui. Siamo certi che ogni tuo contributo sarà importante e utile per gli altri lettori. Grazie!


Codice di sicurezza
Aggiorna