Nessuna variazione per i Casinò Online: ecco il contenuto del Decreto Fiscale.

Una Croupier della Roulette dal Vivo al Casinò
Giocatori che si divertono a puntare su un Tavolo della Roulette

Arriva il Decreto Fiscale e dei tanto temuti cambi alla tassazione dei Casinò Online nemmeno l'ombra. Per il momento il Governo rimanda la stretta fiscale per un settore tra i più attivi e in crescita in Italia. Tra le realtà più solide possiamo citare Winga Casinò: approfitta dell'offerta di benvenuto, 250 euro bonus per te, clicca subito!

Tassazione Invariata Winga Casinò

Decreto fiscale lascia invariata la tassazione Casinò

(1 voto, media 5.00 di 5)
Decreto fiscale lascia invariata la tassazione Casinò 5.00 media 5 based on 1 voto 1.

Tassazione Giochi OnlineDopo giorni di preoccupazione sull'eventuale impatto che il Decreto Fiscale avrebbe avuto in termini di tassazione dei Giochi di Abilità a Distanza, nel testo definitivo approvato dal Consiglio Dei Ministri non è stata prevista alcuna modifica.

Gli operatori del settore avevano sottoscritto un documento chiedendo al Governo di mantenere invariata la già elevata tassazione sui Casinò AAMS. Le voci riferivano in particolare di un possibile cambio del criterio di calcolo dell'imposta dovuta che avrebbe avuto l'effetto di aumentarle del 50%.

Geraci, Amminstratore Delegato di 888.it, è stato uno dei più fermi oppositori al possibile provvedimento che avrebbe avuto come effetto finale di rendere competitiva l'offerta dei Casinò Online Legali rispetto a tutti quelli sprovvisti di Licenza AAMS e quindi evasori del fisco. La piaga dell'illegalità non è stata ancora sconfitta definitivamente e tra i giocatori italiani serpeggia una certa riluttanza a trasferirsi dalle piattaforme di gioco .com illegali a quelle autorizzate dai Monopoli. L'arrivo delle Slot Machine Online nel 2012 e un miglioramento dell'offerta per le scommesse sportive dovrebbe riuscire a invertire la tendenza ed escludere dal mercato gli operatori illegali.  

Numerosi saranno i nuovi concessionari che entreranno sul mercato nel corso dell'anno dopo aver investito oltre 300 mila euro ciascuno per la licenza. Con queste premesse inasprire le richieste fiscali avrebbe un effetto morsa che rischierebbe di strozzare sul nascere tutti i nuovi operatori, rendendo impossibile il ritorno dell'investimento. Giova ricordare che i Casinò AAMS sono una delle realtà più prolifiche al momento in Italia e che la regolamentazione si è resa necessaria anche per recuperare tutto il gettito fiscale soggetto ad evasione sui Giochi di Casinò Illegali.

Seguiremo come sempre con curiosità l'evolversi delle vicende, visto che i segnali che sono stati lanciati dal Governo non sono incoraggianti e sottopongono qualsiasi decisione dell'AAMS all'approvazione preventiva del Consiglio di Stato. La normativa italiana è additata in Europa come modello da seguire da Francia, Spagna e Regno Unito: sarebbe un peccato metterci mano per peggiorarla.

Aggiungi il tuo commento

Casinoinrete.com incoraggia i lettori ad aggiungere i propri commenti alla pagina. Lo scambio di opinioni ed esperienze consentirà di aumentare la quantità di informazioni attendibili sui Casinò On line.

Tutti i commenti sono di responsabilità esclusiva degli autori e sono moderati preventivamente per assicurare il rispetto del buon costume e della reputazione altrui. Siamo certi che ogni tuo contributo sarà importante e utile per gli altri lettori. Grazie!


Codice di sicurezza
Aggiorna